Storia di una spatola

…E fu così che un giorno una spatola incontrò una tela. Linee e colori si fusero in una danza che sembrava non voler finire mai, e la spatola, non ancor sazia di colori e movimenti, decise di dirigersi verso una stoffa abbandonata su di un bancale. Fu nuovamente un’esplosione di blu che richiamò il giallo che bussò ancora alla porta dell’oro e del verde. Iniziò così un nuovo ballo e ciò che si creò fu nuovamente magia…

20161206_172142-1.jpg 20161206_173208-1.jpg

(quadro – borsa quadro)

Queste, ed altre mie opere, saranno presenti alla mostra “Evento Avvento”, esposizione ad Arte, a cura di Antonella Goto, dal 9 al 21 dicembre, a Torino presso la Go To Gallery di via Giorgio Bidone 16.
L’inaugurazione sarà il 9 dicembre alle ore 18.30
Chi fosse a Torino sarà il benvenuto!!!!!!!!

Non solo quadri….

Avvolgere una pashmina al proprio collo è una sensazione sempre magnifica, soprattutto se sono “vere” pashmine come quelle che mi sono arrivate direttamente dal Tamel di Kathmandù. Sono un tripudio di colori e di morbidezza e la mia mente si è subito messa all’opera ed è così che è nata questa “borsa quadro”, arricchita oltre che dal dipinto anche dai manici realizzati  con pezzi di sciarpa. Ma ahimè è un materiale molto delicato e come potevo rendere i manici più sicuri e duraturi?
Ma certo, inserendo al loro interno pezzi di cinture di sicurezza…

20151217_132319

20151217_111618_20151217150240734

 

 

 

 

Pochette

Pixlr_20150827161356453_20150828144548738

Feste, eventi, inaugurazioni, aperitivi; non manca mai! La regina indiscussa delle serate è lei: la Pochette. Morbida, rigida, in pelle, in stoffa o abbellita da pietre preziose, anni dopo anni rimane sempre l’accessorio da sera più cult. Al giorno d’oggi si preferiscono le borse capienti, comode, che riescano a contenere tutto ciò che potrebbe servire durante le interminabili giornate. E’ per questo motivo che ho pensato di creare delle pochette di dimensioni leggermente più grandi rispetto a quelle a cui si è normalmente abituati. Possono essere usate di sera, ma sono capienti e comode per essere utilizzate anche di giorno e ci permettono così, come nel caso della pochette in questione, di passare direttamente dall’ufficio all’aperitivo senza dover far cambio di borsa.

Pixlr_20150827142008042_20150827142721804  Pixlr_20150827133456270_20150827141749707Pixlr_20150827134350328_20150827141450722Pixlr_20150827161356453_20150827162148845

Ancora borse

Amo dipingere. Amo veder nascere le mie creazioni e vederle trasformare in opere uniche. Dipingo e cucio, cucio e dipingo, ormai non ne posso più fare a meno.

20150318_095427-1

20150318_095927-1

Questa é una borsa di dimensioni leggermente più grandi in quanto ho aggiunto i laterali per soddisfare così le esigenze delle amanti delle borse un po’ più “capienti”. La borsa puó essere  inoltre comodamente chiusa grazie alla seconda fodera interna.

20150322_200513

L’universo…in una borsa…

E’ risaputo che all’interno delle borse delle donne si può trovare un mondo parallelo e sconosciuto. Siamo in grado di tenere in esse qualsiasi cosa. Le apriamo ed ecco comparire il portafoglio, la spazzola, il cellulare, il libro, un paio di chiavi, l’agenda, un paio di occhiali, fazzoletti e alcuni biglietti ormai datati, ma che teniamo solo per ricordo. Se poi, si tratta di una borsa di una “mamma”, compare un “universo”: album da disegno e matite, macchinine, bamboline, cerotti, magliette, canottiere, disinfettante, succhi di frutta e merendine. Tutto è sempre alla portata di mano. Ciò che però non può mai mancare in questo “nostro mondo” è un portatrucchi o un portadocumenti, ed è per questo che ho pensato di realizzarli. Il procedimento è lo stesso che seguo per realizzare le borse. Inizio a dipingere un pezzo di stoffa e poi lo trasformo in portatrucchi con l’aiuto della mia ormai fidata macchina da cucire. Ed ecco il risultato…

WIN_20141213_162937 (2)  WIN_20141229_173347 (3)

WIN_20141229_173416 (3)

WIN_20141229_173504 (2)  WIN_20141229_173524 (4)