Nuovi progetti…

20180405_195528.jpg

20180405_201504.jpg

La particolarità di alcuni progetti è quella di prendere forma per caso.
La mia mente difficilmente riesce a rimanere quieta. Le immagini prendono forma nei momenti meno aspettati e capita così che improvvisamente durante una conversazione io possa assentarmi per alcuni secondi perchè qualcosa è giunto nella mia testa per tornare poi “al presente” sapendo perfettamente quali immagini dover fissare. Ed è così che è nato questo nuovo progetto a cui in realà non so ancora dare un vero nome. Nato parlando e disegnando per un altro lavoro, ha preso vita davanti ai miei occhi.

( composizione: disegno a china/ sagoma disegno a matita)
©2018 CeciliaGattullo

Sovrapposizioni

20180404_125405

Disegnando un’anima a matita pronta per diventare la protagonista di un nuovo sfondo, di nuove emozioni, ecco che se ne sovrappone casualmente un’altra.
Le ho guardate a lungo cercando di capire la loro unione, cercando di capire se
fossero parti della stessa anima o anime differenti in cerca di conforto, in cerca di risposte o se fosse semplicemente un incontro casuale…

( composizione: disegno a matita/ sagoma disegno a china)
©2018 CeciliaGattullo

Fragile ma non troppo_08

IMG_2405-3.jpg

“Fragile ma non troppo” è un progetto fotografico. Un connubio fra disegno e fotografia. “Anime” disegnate a china su foglio, ritagliate ed inserite in vari contesti per essere poi fotografate con Canon 550d/ obiettivo macro 105mm.
©2018 CeciliaGattullo

Fragile ma non troppo_07

 

IMG_2529-2.jpg

“Fragile ma non troppo” è un progetto fotografico. Un connubio fra disegno e fotografia. “Anime” disegnate a china su foglio, ritagliate ed inserite in vari contesti per essere poi fotografate con Canon 550d/ obiettivo macro 105mm.
©2018 Cecilia Gattullo

Illustrare una fiaba

A volte capita. Capita di collaborare a un progetto che rimane ancorato in te molto più di quello che avresti pensato. Ti viene data all’improvviso l’opportunità di illustrare una favola per bambini che parla delle difficoltà di chi deve affrontare quotidianamente una malattia come la distrofia muscolare e ti senti sinceramente un po’ impreparato e forse anche un po’ inadeguato.
Distrofia muscolare.
Distrofia muscolare.
Sembra sempre di essere informati su malattie degenerative come questa, malattie che conducono chi ne è affetto piano piano a tante difficoltà, da quelle fisiche ed emotive a quelle sentimentali, e in realtà ci si rende conto di non sapere mai abbastanza.
Alla fine però accetti la sfida, trascorri un anno fra messaggi con l’autore, confronti sui disegni creati, revisioni, approvazioni varie, ami i personaggi della storia e li senti nascere nella tua mente come se in realtà fossero stati sempre lì, nascosti da qualche parte.
Ed eccco che il libro è pronto.
Una storia ricca di emozioni nella quale l’autore riesce a trattare con delicatezza temi come la sfida con se stessi, la prepotenza di chi tende a ridicolizzare colui che è diverso da lui ma anche la forza che viene data dall’amicizia nell’affrontare i momenti più bui e difficili.
Una fiaba per tutti, per bambini e adulti…
(Libro realizzato a cura di UILDM Genova Onlus – Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)

copertina-2     20180326_184620

20180326_184527    fiaba-1

Fragile ma non troppo_05

IMG_2471-2.jpg

“Fragile ma non troppo” è un progetto fotografico. Un connubio fra disegno e fotografia. “Anime” disegnate a china su foglio, ritagliate ed inserite in vari contesti per essere poi fotografate con Canon 550d/ obiettivo macro 105mm.

©2018 CeciliaGattullo

Fragile ma non troppo_03

IMG_2440-2

“Fragile ma non troppo” è un progetto fotografico. Un connubio fra disegno e fotografia. “Anime” disegnate a china su foglio, ritagliate ed inserite in vari contesti per essere poi fotografate con Canon 550d/ obiettivo macro 105mm.
©2018CeciliaGattullo

Fragile ma non troppo_02

“Fragile ma non troppo è un progetto fotografico. Un connubio fra disegno e fotografia. “Anime” disegnate a china su foglio, ritagliate ed inserite in vari contesti per essere poi fotografate con una Canon 550d usando un obiettivo macro 105mm.
©2018CeciliaGattullo